Site Network: Personal |

 

sulla scia dell'opera leopardiana, tratterò tutto ciò che mi passerà per la testa:politica, musica, cinema,ecc. tutto in completa libertà



Teorie

Certo che in giro per il mondo, e sopratutto via internet, gira la qualunque. Teorie di tutti i generi. Scettici di tutti i tipi, di tutti i colori, razze e religioni, ma sopratutto scettici statunitensi. Si va dalle classiche storie sugli extraterrestri che sarebbero arrivati realmente sula terra (ma ce lo tengono nascosto chissà perchè), passando dalla teoria che vorrebbe lo sbarco sulla luna una messinscena strategica in chiave guerra fredda, passando ancora dalle ipotesi che negano l'aids come malattia, e finendo (almeno per quelle che conosco io) con le ipotesi complottistiche dell11 settembre, sulle quali anche io mi sono fatto la mia opinione "difforme" da quella ufficiale.
Dico, va bene essere scettici su quello che ci dicono, riflettere e farsi le proprie opinioni, ma il troppo stroppia, esagerare non va bene. Così si vedono complotti ovunque, anche quando non ce ne sono proprio. Anche perchè, passi la storiella degli alieni, ma per preparare una messinscena come quella dello sbarco sulla luna o raccontare a tutti la cazzata sull'aids avete presente quante persone preparate nel loro campo (lasciamo stare noi comuni mortali) dovrebbero essere stati presi per i findelli? Quanti medici ricercatori pensate ci siano che fanno ricerca sull'aids? Fanno ricerca su niente? Quanti fisici di tutto il mondo hanno collaborato allo sbarco sulla luna? Tutti presi per il culo?
Detto ciò, scettici si, ma con moderazione, altrimenti si corre il rischio di diventare creduloni al contrario.

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 13:06, , links to this post




Per una volta sono d'accordo

Per una volta sono d'accordo con ciò che dice la Chiesa: l'invio del proiettile in busta con la svastica disegnata a mano è "opera di frange molto piccole e psicologicamente labili". Ed è vero,perchè se anche io, come tanti altri, non abbiamo particolarmente simpatia per Bargnasco & co. non mi sognerei mai di mandare proiettili in busta, tantomeno disegnando la svastica (al limite io ci avrei messo la falce e il martello che gli stanno pure più antipatici come simboli). Comunque, dispiace, sia perchè certe minacce in un Paese che si dichiara civile come il nostro non dovrebbero esistere, sia perchè la "lotta" per la laicità non si fa in questo modo, sia perchè in questo modo si sposta l'attenzione dalla discussione sulla laicità in Italia sulla figura di Bargnasco che diventa una sorta di martire quando invece martire non è. Insomma, si fa il suo gioco: si indebolisce il fronte laico perchè a fare di tutta un'erba un fascio non ci si sta niente qua in Italia accorpandoci a quei cretini che con me non hanno niente da dividere e si rafforza lui. Davvero dgli psicolabili.

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 12:31, , links to this post




Prostitute e aids

E se si venisse a sapere, così, per caso, che uno dei collaboratori di Bush, quello che si occupava della campagna contro l'aids, quello che tutto contento insieme al suo presidente andava gridando al mondo l'astinenza, era infilato in un bel giro di prostitute di lusso (escort laureate addirittura)che ora sta uscendo fuori negli Stati Uniti, voi che direste?
leggi qui

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 09:57, , links to this post




Le Rose del Deserto

Devo dire che si tratta di un bel film. Mi piace il genere di film italiani che con leggerezza parlano di temi che tra le righe fanno anche riflettere. Riprende un po' il genere di Mediterraneo, di Tornatore, anche se non è bello quanto il capolavoro che ha vinto l'Oscar. Anche qui si parla di storia, e anche qui si parla della "grandissima" e "attrezzatissima" armata italiana mandata alla conquista del mondo, in questa occasione in Nord Africa, durante la seconda guerra mondiale. Attraverso le vicende di un reparto della sezione sanità vengono mostrati forze e pregi (pochini per dire la verità), debolezze e difetti (tanti) di noi italiani.
Succede un po' come quando le professoresse prima di partire per una gita, magari all'estero, raccomandano agli alunni: "Non fatevi riconoscere". Ma come al solito non c'è verso; noi italiani dobbiamo sempre farci riconoscere...

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 23:15, , links to this post




Riflessione sul PD e sulla sinistra italiana

Già un po' di tempo fa avevo espresso i mie dubbi sul partito che stava per nascere e che ora sta iniziando a vedere la luce. Lo feci in occasione dell'annuncio della scissione all'interno dei Ds capeggiata da Mussi. Sono sicuro che sono state tutte decisioni difficili, sia quella di Ds e Margherita di "unirsi" sia quella di Mussi di starne fuori. Analizzando le cose dal principio bisogna dire che è vero, in Italia c'era bisogno di un grande partito, e sopratutto nel centrosinistra dove la frammentazione era la principale fonte di debolezza per la coalizione. Speriamo che sia un vero input per ridurre questa frammentazione che non fa bene a nessuno e che nasce da una forte rivendicazione di ognuno per le proprie radici che nel mondo attuale, dove i valori e le idee sono parole vuote non hanno più senso. Questo non per dire "uniamoci tutti insieme appassionatamente" ma per evidenziare che partiti come i Comunisti Italiani o Rifondazione Comunista che hanno solo come dissenso la loro considerazione di comunismo potrebbero stare benissimo assieme anche con i Verdi e sarebbe meglio per tutti. Quindi, ritornando al PD, esso risponde a questa necessità. Ma un minimo di identità e di coerenza con le proprio idee penso che la gente la debba avere, anche per cercare di fare i pagliacci il meno possibile. Io guardo la questione dal lato DS, quello a cui mi sento più vicino e mi chiedo che cosa hanno da dividere Fassino, la Finocchiaro e co. con gente come Fioroni o la Binetti. Già Rutelli a me piace poco, ma con lui un'intesa che possa formare un partito democratico è umanamente concepibile. Con gente come Franceschini, Rutelli, Marini, Parisi, ecc. questa intesa ci può stare ed era anzi auspicabile per i motivi esposti sopra. Ma c'è molta gente che di "riformista" ha ben poco, se non nulla, gente quasi più conservatrice dei destrorsi stessi. A me non resta che sperare che dopo la formazione del PD queste componenti fondamentaliste cattoliche o, magari meglio definirle così, queste componenti troppo centriste vengano emarginate e se ne vadano per la loro strada da sole. Ma proprio perchè ho i miei dubbi che questo alla fine accada non posso fare altro che sperare che Mussi riesca in un'impresa ancora più ardua di quella di Fassino. Fare un grande partito a sinistra del PD che si identifichi nella storia socialista.
Qualche tempo fa c'era la moda di dire ai politici: dica qualcosa di sinistra. Per prima cosa questa domanda bisognava farla a qualcuno che fosse veramente di sinistra e non presunti tali, perchè siamo ridotti al punto che nel centrosinistra di sinistra se ne vede mooooolto poca. Perciò, non sarebbe male rilanciare questa identità con un partito che sia veramente di sinistra, che abbia come punto di riferimento il cittadino e che cerchi di essere più maturo (e onesto) di quei partiti di sinistra che la storia d'Italia ha avuto. Se si riesce a unire il correntone di Mussi con i socialisti di Boselli e, perchè no, anche i comunisti e i Verdi non ne uscirebbe fuori un partito poi tanto male; anche se data la storia di frammentazioni, più che di riunioni, in quest'area della politica italiana non rendono il persorso dei più semplici.
Di Pietro non lo vedrei male nel Pd, in fondo le idee in linea di massima sono quelle. Mastella invece se se ne va affanculo e il più lontano dalla sinistra italiana non sarebbe male. Se se ne va a formare un partito con Casini sarebbe il massimo; eviteremmo il rischio di ritrovarcelo tra i piedi alle prossime elezioni, ed è un rischio che preferirei non correre.

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 13:08, , links to this post




Conrad - La linea d'ombra

Un buon libro che narra della "linea" di passaggio dalla giovinezza all'età adulta, alla maturità, che l'autore identifica nel momento in cui gli viene affidato il comando di una nave. Nel complesso è un buon libro, coinvolgente, anche per la situazione in cui la nave, e tutto ciò che contiene, si viene a trovare, ma niente di eccezionale. Non che mi aspettassi chissacchè, ma è giusto dire che avevo ragione. Più che altro era un libro con il quale volevo tenermi occupato nell'attesa di imbarcarmi nella lettura di qualcosa che mi "attirasse" maggiormente. Come voto do un 5 e mezzo e domani inizio a leggere Delitto e Castigo.

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 16:05, , links to this post




Con quali parole iniziano i 5 romanzi della tua vita?

Definirli i romanzi della mia vita mi sembra un po' eccessivo, ma, scopiazzando un post di Tisbe, sto al gioco e lancio la palla ad altri volontari.

George Orwell - 1984 : Era una fresca limpida giornata di aprile e gli orologi segnavano l'una. Winston Smith, col mento sprofondato nel bavero del cappotto per non esporlo al rigore del vento, scivolò lento tra i battenti di vetro dell'ingresso agli Appartamenti della Vittoria, ma non tanto lesto da impedire che una folata di polvere entrasse con lui.

J.R.R. Tolkien - Il Signore degli Anelli : Quando il signor Bilbo Baggins annunziò che avrebbe presto festeggiato il suo centoundicesimo compleanno con una festa sontuosissima, tutta Hobbiville si mise in agitazione. Bilbo era estremamente ricco e bizzarro e, da quando sessant'anni prima era sparito di colpo, per ritornare poi inaspettatamente, rappresentava la meraviglia della contea.

William Golding - Il Signore delle Mosche : Il ragazzo dai capelli biondi si calò giù per l'ultimo tratto di roccia e cominciò a farsi strada verso la laguna. Benchè si fosse tolto la maglia della scuola, che ora gli penzolava da una mano, la camicia grigia gli stava appiccicata addosso, e i capelli gli stavano come incollati sulla fronte. Tutt'intorno a lui il lungo solco scavato nella giungla era un bagno a vapore.

Pier Paolo Pasolini - Una vita violenta : Tommaso, lello, Il Zucabbo, e gli altri ragazzini che abitavano nel villagetto di baracche sulla Via dei Monti di Pietralata, come sempre dopo mangiato, arrivarono davanti alla scuola almeno una mezz'oretta prima. Lì intorno c'erano però già pure altri pipelletti della borgata, che giocavano sulla fanga col coltellino.

Primo Levi - La tregua : Nei primi giorni del gennaio 1945, sotto la spinta dell'Armata Rossa ormai vicina, i tedeschi avevano evacuato in tutta fretta il bacino minerario slesiano. Mentre altrove, in analoghe situazioni, non avevano esitato a distruggere col fuoco o con le armi i lager e i loro occupanti, nel distretto di Auschwitz agirono diversamente:ordini superiori (a quanto pare dettati personalmente da Hitler) imponevano di "recuperare", a qualinque costo, ogni uomo abile nel lavoro.


Molti libri mancano che ci starebbero e che mi hanno fatto riflettere; a cominciare da Se questo è un uomo di Primo Levi, e continuando con qualunque libro di Pirandello, o La Coscienza di Zeno di Italo Svevo, o ancora Il Postino di Neruda di Skarmeta, o Per chi suona la campana di Hemingway; ma 5 ne dovevo citare e 5 ne ho citati. Per gli altri sarà per la prossima volta.

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 23:14, , links to this post




Si sacrifica

Berlusconi è disposto a comprare parte della Telecom, per garantire l'italianità della società. Insomma, lo fa per noi.......

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 20:51, , links to this post




Radiohead - Fake plastic trees

Her green plastic wateringcan
for her fake chinese rubberplant
in the fake plastic earth
that she bought from a rubber man
in a town full of rubber Plans
to get ride of itself, -it wears her out
she lives with a broken man.
A cracked polystyreneman who just
crumbles and burns.
He used to do surgery for girls
in the eighties
but GRAVITY always wins
and it wears him out.
She looks like the real thing.
She tastes like the real thing,
my fake plastic love.

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 23:21, , links to this post




Zapping in seconda serata

Ieri sera, verso mezzanotte, senza nulla da fare e con poca voglia di andare a letto mi sono messo a fare zapping e in dovinate cosa trasmettevano? Su Raiuno c'era Porta a Porta e Vespa, stranamente, invece di parlare di Cogne e della Franzoni (tranquilli, presto ci sarà una puntata speciale per rimediare) parlava delle gambe delle donne. Della serie "quando non sai cosa dire meglio che stai zitto" anche se anche stavolta di cosa parlare ci sarebbe stato. Su Canale 5 Matrix indovinate di cosa parlava? Di cosa se non delle teorie complottistiche sull'11 settembre?!?!?! (vedi qui e qui) Siamo arrivati alla decima puntata di cui io ho notizia sull'argomento; potrebbero essere di più e non di meno e della serie non si intravedere ancora la fine.
Continuando lo zapping però ho trovato qualcosa che mi ha veramente tenuto incollato alla tv fino all'una (la mia attenzione a lezione stamattina ne ha risentito): un programma bellissimo su Camilleri e Lucarelli che non so se hanno intenzione, o l'hanno già fatto, di scrivere un libro in collaborazione. A parte lo spunto da cui tutto parte, si è parlato molto poco del libro e si sono toccati i più svariati argomenti: si è parlato di Sciascia, di letteratura e del ruolo che essa ha nella società, di come scrivono, di come gli passano per la testa le storie etc. Tante cose interessantissime anche perchè dette da persone che stimo e che è stato un piacere potere ascoltare. Quei due mi hanno messo in corpo una grandissima voglia di scrivere, di lasciare la mia impronta, di trovare qualcosa che valga la pena di scrivere. Il problema è che quegli "stronzi" che sono venuti prima di me mi hanno rubato quasi tutte le idee buone...

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 20:33, , links to this post




300

Devo dire che il film non mi è dispiaciuto troppo. La storia non era male; un po' esagerato che 300 uomini sconfiggano una buona parte dell'esercito persiano che contava centinaia di migliaia di uomini, ma nel cinema ci può anche stare. Al posto del regista avrei evitato di posizionare il film a metà strada tra qualcosa di similrealistico e la fantascienza e sopratutto avrei evitato di riprendere le vecchie equazioni bello=buono e brutto=cattivo che ormai non convincono più nessuno. C'è anche qualche spunto particolarmente comico sopratutto nella figura di Serse, Dio-re dei persiani: la voce è identica a quella del vecchio Robocop, l'altezza che è il doppio di qualsiasi uomo normale, era riempito ovunque da piercing (mancava un tatuaggio e i capelli tesi blu (purtroppo era pelato, anche se una parrucca se la poteva permetteredi sicuro) ed era un punk perfetto), aveva la fissa di fare inginocchiare tutti dicendo che lui era buono e caro e che regalava cose a tutti (immaginate queste cose dette da robocop).
Inoltre, forse è un po' troppo forte l'identificazione che si fa tra gli spartani e la libertà, la giustizia e cose del genere. Da quel poco di storia che ricordo di quel periodo, gli spartani non erano proprio angioletti. Ma va bene così, in fondo quello che premeva di più agli autori, cioè la parte tecnica al computer, è riuscita abbastanza bene. Cosa volete di più dalla vita?

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 10:31, , links to this post




Domanda da un milione di dollari

Cosa può rovinare una gornata Ok?
Una diarrea fastidiosa!!!!

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 14:07, , links to this post




Questa ce la scriviamo

Se mi condanneranno per mafia mi ritiro dalla politica

Totò Cuffaro

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 23:37, , links to this post




Rapimenti e ricatti in giro per il mondo

Qualche tempo fa, in occasione del rilascio di Gabriele Torsello avevo scritto un post su Bloggoverno dove presentavo il mio ragionamento contrario al pagamento di riscatti in caso di rapimento di cittadini italiani all'estero. In Italia quando viene rapita una persona si bloccano i beni della famiglia e forse sarebbe bene bloccare i beni dello stato quando ci si trova in situazioni come il rapimento di Mastrogiacomo o uno dei tanti rapimenti ai quali abbiamo assistito in questi anni. Questo è il ragionamento che ho presentato nel mio precedente post, e sono ancora convinto della sua validità, nonostante le critiche che mi sono arrivate: "Se io, comune delinquente, vedo che lo stato italiano per il signor X ha pagato tot e i rapitori l’hanno fatta franca, allora anche io organizzo un altro sequestro, mi faccio pagare bene e la faccio franca anche io. E sicuramente non sarò il solo ad avere genialate simili. Lo stato italiano quando si parla di rapimenti e ricatti è sempre pronto a pagare, e pagare bene". Quando dicevo io queste cose c'era solo il forte sospetto su un riscatto pagato, ora dopo le dichiarazioni di Strada il sospetto è ancora più forte, anche per quanto riguarda la condotta tenuta dal governo per tutti gli altri rapimenti tra Iraq e Afghanistan. Ma anche se il governo non avesse pagato un euro, il problema è la nomea di stato che paga che sta rovinando gli italiani che vanno in luoghi così pericolosi che li rende vittime privilegiate di rapmenti a scopo di estorsione. I politici italiani, probabilmente ancora memori di ciò che accadde ad Aldo Moro, sono forse un po' troppo buonisti (a convenienza) e stanno perdendo ormai di vista l'obiettivo principale che non è quello di cercare di non pagare per non uscire soldi, ma evitare che si ripetano situazioni che abbiamo visto fin troppe volte e che con questo atteggiamento siamo destinati a rivedere.

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 14:29, , links to this post




Voglia di crisi

Vi ricordate quando poco tempo fa è "caduto" (anche se il termine è improprio perchè proprio caduto il governo non è) il governo Prodi? Ricordate che poco prima D'Alema aveva detto che se non passava il provvedimento sull'Afghanistan si apriva la crisi? Bene, ora c'è un altro cretino che dice che se non si fa la legge elettorale c'è una seconda crisi e si va tutti a casa. Non capisco dove abbia voluto andare a parare D'Alema la volta scorsa e non so dove voglia andare a parare Mastella ora (anche se i suoi ricatti sono famosi, magari vuole che l'eventuale sbarramento della prossima legge elettorale sia più basso) ma so solo che traspare una grandissima voglia di crisi.

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 12:28, , links to this post




Ray Bradbury - Fahrenheit 451

Bel libro. Mi aspettavo di più da un libro presentato come "un classico moderno", ma forse le grandi aspettative non mi hanno fatto gustare appieno il libro che mi è sembrato un po' troppo "fantascientifico" per i miei gusti. Il libro segue il filone dei libri antiutopici, del genere di 1984 di Orwell, per intenderci, e tratta di un mondo futuristico dove i libri e la cultura sono banditi dalla società, dove la cosa principale che ho notato è la perdita totale del valore della vita, anche a causa della messa al bando dei libri. Il protagonista, infatti, è un pompiere che invece di spegnere incendi, li appicca per bruciare i pochi libri rimasti nelle case dei dissidenti. Poi la storia è forse un po' scontata: lui capisce lo schifo in cui la società è ridotta, reagisce, si ribella e bla bla bla. Però il libro è ben scritto, coinvolgente e appassionante. Molte peculiarità della nostra società sono già state intraviste da Bradbury al suo tempo (come per esempio l'avanzare incontrastato della pubblicità o l'apatia di fronte alla tv) ma molti commenti che ho letto che parlavano di un libro quasi divinatorio mi sono sembrati alquanto esagerati. In complesso, 7-.

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 20:49, , links to this post




De dolcibus

Se fossi pasticcere io non farei mai dolci troppo "artistici". Poi sembra quasi un male mangiarli...

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 20:29, , links to this post




Buona Pasqua

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 14:20, , links to this post




Poveri inglesi

Poverini, a Roma le hanno prese dalla polizia e hanno creato un caso diplomatico, dando la colpa ai nostri poliziotti e non ai tifosi ubriachi fradici. Ci potrebbe anche stare un "eccesso di foga" delle nostre forze dell'ordine, se non fosse che i poveri inglesi le hanno prese anche a Siviglia. Persecuzione?

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 15:58, , links to this post




I giornali e Peppino Impastato

Oggi tra le news sui giornali ho trovato che a termini Imerese, un paese in provincia di Palermo, è stato abbattuto un albero piantato in memoria di Peppino Impastato (per chi non lo conoscesse può andare qui e qui) ed è stata lasciata la scritta "Viva la mafia". Ragazzata, sicuramente, ad opera di qualche deficiente (purtroppo l'ignoranza è un male che mai verrà estirpato dalla società). Letto il titolo, vado a leggere l'articolo sul sito del Corriere e cosa scopro? Peppino Impastato, a quanto riporta il giornalista, con tanto di link, è stato ammazzato a Capaci. Io sono di Capaci, paesino alle porte di Palermo, tristemente famosa per l'attentato al giudice Giovanni Falcone, e vi posso assicurare che Peppino Impastato non è stato ucciso a Capaci, ma da qualche altra parte (non ho trovato il luogo preciso dove è stato trovato il corpo, ma dal film e dalla certezza che il fatto non è successo a Capaci, presumo sia stato trovato a Cinisi). Ma sti giornalisti prima di sparare minchiate non si potrebbero documentarsi? Bastano a volte anche 5 minuti, anche considerando la lunghezza dell'articolo scritto (quindi immaginate che lavoro immane avrebbe dovuto fare il giornalista).

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 20:33, , links to this post




Pubblicità

Non so voi, ma per me la pubblicità dello scoiattolo che scorreggia e salva la foresta è una delle più brutte che io abbia mai visto in vita mia.

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 23:14, , links to this post




No ai Dico, no al testamento biologico, ecc.

Ok, basta, invece di indicare ciò che non si deve fare, perchè non iniziate a dirci ciò che ci è consentito fare che magari ci sbrighiamo prima?

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 20:26, , links to this post




Dico pedofilia e incesto

Mi ero promesso di parlare di meno di Chiesa perchè ultimamente questo stava diventando un blog monotematico e decisamente poco interessante. Mi sono astenuto dal commentare le ultime uscite ecclesiastiche, ma quella di ieri di Bargnasco merita che dica qualche cosetta. In primo luogo, non vedo dove e come si possano mettere sullo stesso piano i dico con la pedofilia e con l'incesto. E' qualcosa che sta fuori da questo mondo e dimostra quanto poco rispetto abbia Bargnasco nei confronti della gente (vista l'uscita antidemocratica) e fino a che punto la Chiesa stessa voglia portare la battaglia ideologica contro i Dico (tendo a escludere cretinagine di Bargnasco o anche ignoranza come ipotesi possibili per giustificare la sua uscita). Non serve a nulla dire "mi avete capito male", "sono stato frainteso" e cretinate varie alla Berlusconi perchè il senso delle parole dette ieri si è capito benissimo, tanto che Berlusconi stesso ha detto: "La cei si esprima, ma noi possiamo pensare l'opposto" (o forse Berlusconi si riferiva alle aprole del papa sulle tangenti... ;) ). Addirittura colui che si pavoneggiava e diceva di essere uno dei baluardi della cristianità nella politica italiana si è sentito in dovere di prendere le distanze dalle frasi del nuovo presidente della Cei. Si vede che qualcuno sta iniziando a capire che la misura è colma già da un po' di tempo.

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 13:22, , links to this post