Site Network: Personal |

 

sulla scia dell'opera leopardiana, tratterò tutto ciò che mi passerà per la testa:politica, musica, cinema,ecc. tutto in completa libertà



Georges Simenon - Il porto delle nebbie

E' il primo "Maigret" che leggo e devo dire che non sono rimasto deluso, anzi. La partenza è sparata; il lettore fin dalle prime righe è introdotto dentro il caso senza giri di parole o perdite di tempo con chissacosa: un uomo viene ritrovato privo di memoria e parola al centro di Parigi con la testa ricucita da poco. Chi è, da dove viene e perchè ha la testa ricucita non si sa e tocca a Maigret scoprirlo che deve essere davvero bravo per sbrogliare una matassa tanto inturciuniata (ingarbugliata) come è quella di questo racconto. Se lo leggete, infatti, toglietevi dalla testa di scoprire in anticipo l'assassino perchè non è possibile, a meno che non abbiate abbastanza culo da dire subito che l'assassino è il maggiordomo (ovviamente questo personaggio non esite, ma paura eh?).
Per concludere, se volete passare un po' di tempo in compagnia di Maigret sforzandovi inutilmente di scoprire l'assassino prima di lui leggere questo libro non è una cattiva idea. Voto 7

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 10:19, , links to this post




Tinturia - 'U Pisci spada

Dai e dai lu vitti tira la fiocina dai e lu vitti
afferralu pigghialu ahh…

iu pigghiari ’a la fimminedda drittu drittu ’ntra lu cori
e chiancìa di duluri ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi
e la varca la strascinava e di sangu ni curria
e lu masculu chiancìa ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi

e lu masculu parìa ’mpazzutu
mi dicia bedda mia nun chiancìri
bedda mia nun chiancìri

Rispunnia la fimminedda
ccu nnu filu e filu ’i vuci
“scappa scappa amuri miu
’ca sinò t’accidunu…

“No no no no no amuri miu
si tu mori vogghiu murìri ’nzemi a tia
si tu mori vogghiu murìri ’nzemi a tia” ….

Ccu nu saltu iu a finiri
’ncucchiu ’ncucchiu cori a cori
e accussì finìu l’amuri
di du’ pisci sfurtunati….

Dai e dai atterralu pigghialu
Acchiappalu tiralu dai e afferralu acchiappalu
Atterralu pigghialu acchiappalu afferralu tiralu ahhh…

Chist’è ’na storia
storia d’amuri.

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 00:09, , links to this post




Tu chiamami, se vuoi, malizioso

Noemi, la ragazza che chiama Silvio Berlusconi "il papi". Su confessione di Veronica Lario si scopre che Silviuccio non è mai andato a un diciottesimo compleanno di uno dei suoi figli ed ora si fa vedere alla festa di compleanno di questa ragazza che vanta di conoscere il premier molto bene, tanto da cantare insieme "le canzoni di Scugnizzi". Lui la chiama e lei lo raggiunge subito. Inoltre vorrebbe entrare in politica, ma non alle regionali, preferirebbe il Parlamento, ma deciderà papi.
Intanto il popolino mormora e si chiede: Ma Silvio se la fa davvero o è un trucco pubblicitario per rafforzare la sua leggendaria virilità e fare un dispetto alla comunista Veronica?

Fonte: Corriere qui e qui

Etichette: ,

posted by Ajeje87 @ 23:22, , links to this post




Hermann Hesse - Narciso e Boccadoro


Non è un libro per tutti i palati e chi conosce Hesse lo sa. Infatti all'inizio ho faticato un poco ad abituarmi al linguaggio usato dall'autore, ma una volta fatto, il libro scorre bene ed è davvero piacevole.
La storia narra dell'amicizia di due animi contrapposti, Narciso e Boccadoro, che, conosciutisi in un convento durante la loro giovinezza, arricchiranno l'uno l'essere dell'altro. Narciso è lo spirito, il logos, l'ascesa, la vita contemplativa di un convento; Boccadoro invece è la natura, l'eros, l'arte, il vagabondaggio. Infatti è tutto tra questa contrapposozione che gioca il libro lasciando trapelare alla fine una supposta minima superiorità di Boccadoro su Narciso. O meglio, della vita di Boccadoro su quella di Narciso. Io sono convinto che i due sono opposti conciliabili e che anzi per vivere davvero bene è necessario il completamento dell'uno con il suo opposto. O mi sbaglio?
Comunque il libro è bello e interessante. Voto: 7,5

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 09:41, , links to this post




Tg1

No, Mimun noooooooooooooooooooooo

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 10:42, , links to this post




Georges Simenon - L'orologiaio di Everton

Nella disperazione, non trovando cosa leggere, trovandolo a casa tra gli altri, ho scelto questo libro. E' grazioso ma decisamente niente di entusiasmante. La storia racconta di un padre che, dopo essere stato abbandonato dalla moglie, cresce da solo un figlio finchè il ragazzo, di ormai 16 anni, scappa di casa con la fidanzata e tra le altre cose commette un omicidio. La storia è il pretesto wepr presentare il rapporto tra padre e figlio, uguali anche se molto distanti.
In conclusione si può affermare che il libro si fa leggere senza alcuna difficoltà, non so però se si farà ricordare allo stesso modo. Voto: 6.

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 10:45, , links to this post




Berlusconi

Mister Obamaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 10:38, , links to this post