Site Network: Personal |

 

sulla scia dell'opera leopardiana, tratterò tutto ciò che mi passerà per la testa:politica, musica, cinema,ecc. tutto in completa libertà



Senza Dio

La vita senza Dio non funziona, perche' manca la luce, perche' manca il senso di cosa significa essere uomo

Papa Ratzinger

Posso assicurare che non è così. Io sono uno "sporco senza-Dio", ma la mia vita funziona come tutte le altre, so cosa vuol dire essere uomo e sopratutto, a casa mia la luce c'è sempre.

link alla notizia

Etichette:

posted by Ajeje87 @ 10:45,

12 Comments:

At 13:48, Anonymous raqqash said...

Personalmente credo nel divino, nella straordinaria architettura del Tutto, se vogliamo dirla così. Ma mi piace che ognuno la pensi come gli pare.
Penso anche io che senza spiritualità l'uomo viva solo a metà.
ma.
Ma se questo me lo deve dire Benny the 16th, degno successore di un papato che da secoli convive ed è connivente con potere, corruzione, sfruttamento, omicidi e chi più ne ha più ne metta.
Beh. La vergogna è morta, suicidandosi insieme alla Coscienza sotto un treno in corsa.
R.I.P.

 
At 14:39, Anonymous ILLAICISTA said...

Non solo senza dio si vive benissimo, ma si vive con una spiritualità e una moralità vera, perché si vive nella libertà.

rip
chi lo ha detto che un ateo non ha una vita spirituale?

 
At 14:51, Blogger Tommaso said...

Vai da un bambino e digli che Babbo Natale non esiste.
Gli togli l'unica cosa per cui valeva la pena vivere.

Più o meno succede la stessa cosa per un cristiano fervente ;)

 
At 20:36, Anonymous Anonimo said...

PROVATE A VIVERE(VERAMENTE) COME SE DIO NON ESISTESSE JEAN PAUL SARTRE, L’esistenzialismo è un umanismo, Milano 1978, pagg. 60-62 (cit. in Massimo Borghesi, Secolarizzazione e Nichilismo, Cantagalli, 2005)


«L’esistenzialismo si oppone energicamente a un certo tipo di morale laica che vorrebbe togliere di mezzo Dio con la minima spesa.

Allorché alcuni professori francesi tentarono di costituire una morale laica, ragionarono press’a poco così: Dio è un’ipotesi inutile e dannosa: eliminiamola; ma è necessario tuttavia, perché ci siano una morale, una società, un mondo civile, che certi valori siano presi sul serio e considerati come esistenti a priori; bisogna che sia obbligatorio a priori essere onesti, non mentire, non battere la propria donna, fare figli, ecc ecc.

Dobbiamo fare quindi un piccolo lavoro che permetterà di mostrare che quei valori esistono ugualmente, iscritti in un cielo intellegibile, anche se Dio non esiste. In altre parole – ed è credo, la tendenza di quel che in Francia si chiama radicalismo – niente muterà se Dio non esiste; ritroveremo le stesse norme di onestà, di progresso, di umanesimo e avremo fatto di Dio un’ipotesi obsoleta, che morirà tranquillamente da sola. L’esistenzialista al contrario pensa che è molto scomodo che Dio non esista, poiché con Dio svanisce ogni possibilità di ritrovare dei valori in un cielo intellegibile; NON PUÒ ESSERCI UN BENE A PRIORI POICHÉ NON C’È NESSUNA COSCIENZA INFINITA E PERFETTA PER PENSARLO; NON STA SCRITTO DA NESSUNA PARTE CHE IL BENE ESISTE, CHE BISOGNA ESSERE ONESTI, CHE NON SI DEVE MENTIRE".

Meditate gente, meditate e non l’ha detto Papa Benedetto, ma uno al quale di regola prestate attenzione

 
At 08:12, Anonymous Goedel said...

Infatti non c'è affatto alcun bisogno di una morale universale ed eterna. Se ci ragioni un po' scopri che la morale è cambiata moltissimo dai primi millenni di storia ad oggi. Nel passato era moralmente giusto violentare e schiavizzare le donne, la schiavitu' di altre razze/stirpi, uccidere bambini (Sparta?), etc..

Anche oggi la morale non è affatto universale ma dipende in gran parte dai precetti delle singole religioni e da come questi vengono interpretati, vedi ad esempio i terroristi e la loro interpretazione del corano.

L'ipotesi dell'esistenza di una morale universale è non solo sbagliata ma soprattutto negativa perchè si oppone e frena la naturale evoluzione della morale stessa.

Fino a pochi anni fa il divorzio era considerato un male assoluto, un peccato mortale. Adesso solo la chiesa e pochi fanatici cristiani la pensano cosi', la stragrande maggioranza di chi si dichiara cattolico pensa che il divorzio sia la soluzione, dolorosa e sofferta, a problemi di coppia gravi e ancor piu' dolorosi.

Se vuoi saperne di piu' leggi su wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/utilitarismo

 
At 14:14, Anonymous Anonimo said...

se alla tua vita manca la luce, piu' che altro hai dimenticato di pagare la bolletta, non tirerei in ballo dio ...

 
At 21:21, Anonymous fabio said...

ah, papa ratzinger, pensavo clemente emme.

 
At 23:18, Blogger molay said...

Non credo che quella frase il Papa l'abbia indirizzata a voi atei. Perchè vi grattate, dunque?

 
At 23:31, Blogger Ajeje87 said...

Era indirizzata ai minori di un carcere per evitare che commettessero il nostro errore. In fondo ci sentiamo chiamati in causa

 
At 23:27, Blogger molay said...

Ribadisco che il vostro è un prurito inutile. Il Papa va in carcere, la latrina della società, e offre un'alternativa al buio di una vita buttata alle ortiche. Che il messaggio di Cristo sia deprecabile è veramente una boutade.

 
At 00:44, Anonymous Raqqash said...

Il carcere latrina della società? Mi vengono in mente tantissime persone che non sono in carcere ma sono molto peggio di quelli che ci stanno.
Generalizzare spesso porta fuori strada.

Ah, e io non ho detto né pensato che chi non crede in Dio non abbia una spiritualità.

Saluti

 
At 22:57, Blogger molay said...

Un mio amico che appartiene alla Polizia Penitenziaria mi dice spesso "La società in cui viviamo fa schifo. Pensa al carcere". Sicuramente ci sono tantissimi avanzi di galera a piede libero. Io vado spesso nelle carceri, per via del mio lavoro. E confermo che il 99% dei detenuti non merita di stare in libertà. Ma anche a loro deve essere offerta un'alternativa alle tenebre. Dio, indubbiamente, può cambiare gli uomini.

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home